News

Protesi CYBI per ogni Stato indiano

Nel Giorno dell’Indipendenza indiano, Motorica ha annunciato la disponibilità delle protesi CYBI in ogni Stato indiano. Ora la cibernetica indiana ha nuovamente la libertà di scelta. Questo è un giorno dell’Indipendenza dalle costrizioni imposte dalla natura o da circostanze sfavorevoli. La comunità indiana della cibernetica, persone specialmente abilitate, può finalmente dire "Basta cavi. Basta batterie. Basta motori. Funzionalità e stile. Una protesi della mano che finalmente si adatta alla mia personalità. Proprio come la natura”.

Ci sono attualmente 0,11 milioni di amputati in India che hanno subito la perdita degli arti superiori al gomito e quasi 16.500 persone si feriscono circa ogni anno. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, solo 1 persona senza mani su 10 nel mondo riceve le protesi necessarie e nei paesi in via di sviluppo questa cifra si riduce solo al 5% di tutti i bisognosi. Le persone particolarmente abili richiedono una serie di servizi, assistenza e diritti speciali che a volte potrebbero non ricevere.

I russi continuano a essere uno dei principali produttori di protesi innovative al mondo. Motorica si sta espandendo in tutte le direzioni in tutto il mondo e sta facendo sentire la sua presenza anche in India.

Motorica ha svolto finora 3 anni di ricerca e sviluppo all’interno del mercato indiano per comprendere i problemi e le aspettative degli utenti, con una domanda unica e di tendenza. La protesi body-powered CYBI (alimentata dal corpo) è un gadget che permette di aprire e chiudere la mano per svolgere le attività quotidiane. Dispone inoltre di accessori che ne ampliano la funzionalità. CYBI Hand è adatto a persone di tutte le età con amputazioni sotto il gomito o assenza delle dita. Motorica ha racchiuso tutto in una “alta scatola di gioia” per dare libertà a tutti gli utilizzatori di protesi sia nuove che vecchie, che hanno utilizzato versioni obsolete di protesi meccaniche/cablate ancora in uso in India.

Uno dei maggiori problemi che deve essere risolto è quello di rendere le protesi moderne non solo comode e funzionali, ma anche accesibili alla gente comune. È inoltre necessario fornire servizi di protesi in ogni stato dell’India. Dopo aver attivato i primi cyborg nel subcontinente, Motorica sta guadagnando slancio assumendo i migliori professionisti qualificati nel settore delle protesi in India, legandosi alla più grande catena di partner clinici. Formazione pre e post-adattamento agli standard globali per gli utenti. Miglioramento della qualità della vita e dell’accessibilità.

Il partner per la fornitura di servizi clinici CYBI di Motorica in India è Ottobock, leader di mercato globale nelle protesi Ottobock. Da oltre 100 anni Ottobock sviluppa prodotti innovativi. Al contempo l’azienda med-tech si occupa anche dell’intero ciclo di trattamento attraverso la sua rete di servizi clinici. Ottobock è un’azienda moderna a conduzione familiare che unisce l’amore per il progresso ai valori.

Un esercito di cyborg indiani si sta facendo avanti e si sta connettendo con una comunità globale di persone particolarmente abili. Il team indiano di Motorica è in contatto regolare con i primi oltre 300 pazienti che inizieranno le loro prove dopo una lunga attesa.

Il primo cyborg in India si può già veder girare per le strade di Mumbai o salire sullo stesso treno locale tutti i giorni. Nel 2006, durante l’esplosione di un treno, Mahendra Pitale aveva perso il braccio sinistro.

“In un paese come l’India non c’è consapevolezza sui programmi per le persone particolarmente abili. Vengono messe da parte. Sì, gli si mostra simpatia. Ma quando si tratta di aiutare, non c’è molto di disponibile. Ma con il progresso della tecnologia, vedo un futuro luminoso e pieno di speranza”, dice Mahendra Pitale.

Da un’altra parte, andando verso nord, si vede un uomo alla guida del suo trattore, in una calda giornata di sole. Sfoggiando la sua mano scintillante. “Sono estremamente contento per questo giorno dell’indipendenza, le persone come me non devono più recarsi a Mosca per ottenere questo livello di soluzioni, sono così felice che l’India abbia finalmente soluzioni parziali. Non sono stato abbastanza fortunato. Ma sono sicuro che ci sono alcune centinaia di migliaia di persone là fuori, più giovani di me, più vecchi di me, che ogni giorno sognano di ottenere una mano del genere”, dice Harjit Singh del Punjab.